Cultura

Pubblicato il 3 Febbraio 2015 | di Silvio Biazzo

La Synapsis Chamber Orchestra miete applausi al Donnafugata

Serata di grande richiamo quella che si è consumata sul palco del teatro Donnafugata che ha ospitato una trentina di giovanissimi orchestrali di una prestigiosa formazione calabrese.

Un concerto per pianoforte e orchestra, che ha fuso la musica classica alle sonorità jazz e blues, proprio come il brano da cui ha preso lo spunto, la celeberrima composizione di George Gershwin, “Rapsodia in blu”: un intenso spettacolo che ha visto protagonista la “Synapsis Chamber Orchestra”, diretta dal maestro Marco Gatto, accompagnata al pianoforte da Francesco Mirabella e dall’eclettico Danilo Blaiotta.

Dalle coinvolgenti note di Gershwin si è passati alle straordinarie composizioni di Beethoven, per una serata particolarmente emozionante grazie alla bravura e alle particolarità strumentali degli elementi ( tra cui un giovanissimo “corno” di appena 14 anni ).

Grande suggestione tra il folto pubblico ha suscitato la esecuzione della “Rhapsody in Blue” di Gershwin, illustrata alla grande dal sorprendente “ virtuosista” del pianoforte Danilo Baiotta. Stupefacenti le sue variazioni sul tema nell’esecuzione del famosissimo brano.

Marco Gatto il direttore del concerto con la sua bacchetta ha assecondato al massimo i virtuosismi straordinari al pianoforte di Danilo Blaiotta dalla Lombardia che al termine dell’esecuzione ha suscitato una meritata e prolungata standing ovation: di pari bravura l’artista sciclitano Francesco Mirabella, anche lui solista che ha accompagnato la “Synapsis Chamber Orchestra”, composta da musicisti formatisi presso il Conservatorio “S. Giacomantonio” di Cosenza, composta dai primi violini Manuel Arlia e Teresa Giordano, secondi violini Francesca Ylenia Santoro e Chiara Maiorano, alle viole Francesca Manoccio e Domenico Scicchitano, ai violoncelli Alessandra Ciniglia e Antonio Pellegrino, ai flauti Valentina Marchese e Roberta Zirilli, all’oboe Roberta Brafa, ai clarinetti Mariagaia Di Tommaso e Stefano Avolicino, fagotto Davide Acciardi e Daniele Costanzo, corni Andrea Di Stasi e Lorenzo Patella, alla tromba Giuseppe Pugliano, alle percussioni Gianfranco Esposito.

Tutti musicisti che hanno riscosso sempre grande successo ed importanti conferme di pubblico e di critica, pronti a portare la loro musica nella provincia iblea ( provenivano da una recente serata a Scicli ) : hanno offerto uno spettacolo suggestivo per la stagione musicale – 214° concerto – diretta dal maestro Giovanni Cultrera ( in procinto di “volare” per una serie di concerti nel fascinoso estremo oriente, tra le tappe Seul ) ,e organizzata dall’A.Gi.Mus nella persona della presidente Marisa Dinatale.

L’appuntamento a fine concerto è stato come sempre nei foyer con il Dopoteatro Cocktail curato da Angelo Vini e Affini: prossimo appuntamento domenica 8 febbraio con il supertalento nostrano Ruben Miceli, “Romanticismo” il titolo dato alla serata.

Tags: , ,


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR