Attualità

Pubblicato il 6 giugno 2018 | di Silvio Biazzo

0

La polizia di Stato sventa un traffico di esseri umani

E’ il triste e turpe fenomeno scaturito in questi ultimi anni dal fenomeno dell’ immigrazione in massa, esseri umani alla mercè di squallidi personaggi che lucrano sui loro bisogni e che fuggono da terre dove fame e guerre la fanno da padroni.

La Polizia di Stato di Ragusa ha fermato cinque cittadini rumeni per i reati di caporalato, associazione a delinquere, traffico di esseri umani e sfruttamento pluriaggravato della prostituzione, anche minorile. Il provvedimento è stato emesso a seguito delle indagini svolte dagli uomini della Squadra Mobile di Ragusa a seguito delle dichiarazioni rese da un cittadino romeno che, prostrato da una situazione di grave sfruttamento lavorativo, si era recato presso la Questura di Ragusa, offrendo un agghiacciante narrato sulle modalità del suo trasferimento in Italia e sull’attività lavorativa in cui era impegnato.

Da tali dichiarazioni partiva l’indagine con cui veniva accertata l’esistenza di una associazione criminale finalizzata al traffico di esseri umani a fini dello sfruttamento lavorativo. Le vittime venivano attirate con l’inganno e la falsa promessa di un’occupazione lavorativa, di una sistemazione abitativa dignitosa e, poi, invece, venivano private di ogni facoltà di negoziare condizioni di lavoro e di vita.
All’arrivo in Italia tutte le vittime venivano costrette ad abitare in immobili privi di riscaldamento, a vestirsi con indumenti prelevati dai rifiuti, a cibarsi di alimenti scaduti o di pessima qualità ed erano condotte nei vari terreni dai sodali e lì controllate al fine di mantenerne alta la produttività, usando a tale scopo una violenza inaudita. L’attività permetteva di identificare numerose vittime del traffico di esseri umani gestito dagli indagati. Tutte le vittime presenti sul territorio sono ora presso un’associazione anti-tratta specializzata nell’ambito della tratta di persone a scopo di sfruttamento lavorativo.

 

Tags: , , , ,


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑

Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other