Società

Pubblicato il 26 Giugno 2018 | di Alessandro Bongiorno

Pagare le tasse con il lavoro Anche a Vittoria il “baratto”

Chi non riesce a far fronte al pagamento delle tasse e dei tributi comunali potrà mettersi in regola offrendo delle prestazioni lavorative. Lo prevede il cosiddetto “baratto amministrativo” che sarà ora applicato anche a Vittoria.

Le prestazioni. Ai cittadini-contribuenti sarà richiesto di collaborare in interventi di riqualificazione o valorizzazione del territorio; nella pulizia, manutenzione ed abbellimento delle aree verdi, piazze, strade; in interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, e, in genere, nella valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano ed extraurbano.

Il valore economico. Per ogni ora prestata in questi interventi, ai cittadini verranno scalati 7.50 euro dalle cartelle esattoriali. I cittadini dovranno impegnarsi per un corrispettivo minimo di 120 euro e non superiore, nel complesso, a 840 euro. Non sarà corrisposta alcuna retribuzione a chi aderisce al “baratto” e non si determina in alcun modo l’instaurazione di un rapporto di lavoro con il Comune di Vittoria. Gli interventi avranno carattere occasionale e non continuativo.

I requisiti. Questi i requisiti richiesti: residenza nel Comune di Vittoria, età non inferiore a 18 anni, possesso di idoneità psico-fisica in relazione al servizio civico da svolgere; reddito Isee per l’anno 2018 non superiore a 15mila euro; associazioni con sede legale nel Comune di Vittoria e con scopi che perseguono finalità sociali e compatibili con i fini istituzionali del Comune.

Informazioni e scadenze. Non ci sono scadenze e pertanto le istanze e i progetti potranno essere presentati all’ufficio protocollo del Comune di Vittoria durante tutto il 2018. Il modello è scaricabile dal sito internet (www.comunevittoria.com). Ogni informazione può essere richiesta alla direzione Tributi del Comune di Vittoria (telefono 0932-1831004, email: ufficiotributi@comunevittoria.gov.it), oppure recandosi in via San Martino 141. In questa fase l’amministrazione comunale intende raccogliere le disponibilità delle persone interessate ed i progetti che i cittadini intendono sottoporre.

A darne l’annuncio è stato l’assessore Andrea La Rosa: «In questo modo – ha commentato – aiuteremo i cittadini in difficoltà ottenendo, al contempo, un beneficio per la città e la collettività».

 

Tags: , ,


Autore

Alessandro Bongiorno

Giornalista, redattore della Gazzetta del Sud e condirettore di Insieme. Già presidente del gruppo Fuci di Ragusa, è laureato in Scienze politiche.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR