Vita Cristiana

Pubblicato il 11 ottobre 2018 | di Redazione

0

Giornata Diocesana per la Custodia del Creato, Domenica 14 appuntamento a Vittoria

“Coltivare l’alleanza con la terra” il titolo della sesta Giornata diocesana per la custodia del Creato che si celebra domenica 14 ottobre 2018 a Vittoria, nella vicina riserva naturale Pino d’Aleppo. È ormai consolidata la formula delle precedenti edizioni che vede la presenza, durante la classica passeggiata (per la quale è consigliato munirsi di munirsi di scarpette da ginnastica, cappellino e bastoncino da trekking), di momenti culturali, di riflessione e di preghiera.

La giornata, organizzata dall’Ufficio per i problemi sociali e il lavoro della Diocesi, in collaborazione con l’associazione Grotte Alte, si aprirà con i saluti del vescovo, monsignor Carmelo Cuttitta, del direttore dell’ufficio, Renato Meli, dei rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni presenti. Il programma prevede, alle 9:30, dopo i saluti di benvenuto, un tour guidato attraverso la villa comunale che comprenderà anche la visita all’orto botanico “Fra Simplicio”. Seguirà, alle 14 ,una suggestiva escursione all’interno della riserva naturale Pino d’Aleppo.

L’iniziativa si inserisce nel contesto nazionale della 13° Giornata nazionale per la custodia del Creato ed ha lo scopo di promuovere la cura costante del Creato ma anche di ciò che l’uomo con la sua opera realizza: perciò «la vocazione umana a coltivare la terra non può che andare di pari passo con quella a custodirla».

Il tema “Coltivare l’alleanza con la terra”, come leggiamo nel Messaggio dei Vescovi italiani, oltre alle sfide nel campo economico e politico, fa un netto e chiaro riferimento ad una nuova prospettiva pastorale che si fa carico delle tante fragilità ambientali di fronte agli impatti del mutamento, inserendosi nella visione più completa della cura integrale, tanto cara a papa Francesco. Cura del territorio e cura del popolo diventano un tutt’uno e ci esortano verso nuovi stili di vita e di consumo sostenibile, così come a scelte nuove e sagge da parte delle comunità.

L’Ufficio per i problemi sociali e il lavoro della Diocesi di Ragusa, sostenendo il forte legame fra questioni ambientali e questioni sociali e umane, ha in più occasioni stimolato il ripensamento degli stili di vita di ognuno, ponendo l’accento sulla necessità di trasferire alle generazioni future un creato ancora vivibile, ha esortato ad una spiritualità orientata ad una “conversione ecologica”, connotata da comportamenti leggeri, orientati alla giustizia e sostenibili sul piano personale, familiare e comunitari.

Papa Francesco quest’anno nel suo messaggio ha posto l’accento sulla questione dell’acqua: un bene comune di cui nessun essere umano dovrebbe essere privato, quindi uno dei principali problemi se si considera la sua scarsità, lo spreco e l’inquinamento.

Oggi non basta soltanto preoccuparsi delle sorti delle generazioni future, “occorre rendersi conto che quello che c’è in gioco è la dignità di noi stessi. …». (Papa Francesco, Laudato Si’, 160)

Su queste tematiche si rifletterà domenica 14 ottobre.

Tags: , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑