Vita Cristiana

Pubblicato il 27 Novembre 2018 | di Alessandro Bongiorno

0

Quando il canto diventa preghiera non ha bisogno di protagonismi

Il canto favorisce la preghiera e rappresenta uno strumento al servizio della nuova evangelizzazione. Lo ha ricordato Papa Francesco ai partecipanti al terzo convegno internazionale delle corali, esortandoli ad essere sempre vicini alle persone «nei momenti di gioia e nella tristezza» e a non cadere nella tentazione del protagonismo. «Non cadete nella tentazione – ha detto il Papa – di un protagonismo che offusca il vostro impegno, e umilia la partecipazione attiva del popolo alla preghiera. Per favore non fate la “prima donna”. Siate animatori del canto di tutta l’assemblea e non sostituitevi a essa, privando il popolo di Dio di cantare con voi e di dare testimonianza di una preghiera ecclesiale e comunitaria. A volte mi rattristo quando, in alcune cerimonie, si canta tanto bene ma la gente non può cantare quelle cose…».

La musica deve essere uno «strumento di unità» per rendere «efficace» il Vangelo nel mondo di oggi, «attraverso la bellezza che ancora affascina e rende possibile credere affidandosi all’amore del Padre». Il canto diventa quindi «una melodia che favorisce la preghiera e la celebrazione liturgica».

Tags: , , ,


Autore

Alessandro Bongiorno

Giornalista, redattore della Gazzetta del Sud e condirettore di Insieme. Già presidente del gruppo Fuci di Ragusa, è laureato in Scienze politiche.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑