Vita Cristiana

Pubblicato il 1 Febbraio 2019 | di Luca Farruggio

0

L’Amore che si dona interamente: così la vita cristiana sconfigge la morte

Una certa tradizione filosofica, ripresa anche da Dante, afferma l’identità tra creazione, vita e primavera (“la dolce stagione”). La vita è un continuo fiorire di una bellezza sconfinata. Tuttavia, come ci ricorda l’oscura filosofia di Eraclito, non esiste qualcosa senza il suo opposto.

Quindi non si può parlare di vita senza parlare anche della morte. Non sono proprio le religioni a dare un senso preciso al vivere e al morire? Un senso che spesso viene colto solo a livello teologico, ma quando a capirlo è il cuore, allora non può che subentrare la pace nella vita dell’uomo.

Una pace che uomini e donne spesso cercano nell’amore. Ma lo trovano? Fare i conti con la pace non vuol dire guardare in faccia anche la guerra? Di fronte a questo mistero si cade in ginocchio! È proprio nel Cantico dei cantici che viene affermato con forza questo concetto: “Forte come la morte è l’amore” (Ct, 8,6).

Però, ed è questo che si vuole dimostrare e sperare, il cristianesimo parla di un amore altro, di un amore che è Vita e che sconfigge eternamente la morte. Non più l’eros dei greci (un amore inteso solo come conquista), ma l’agape del Dio cristiano (amore che si dona continuamente senza chiedere nulla in cambio). Amore che Dio non ha spiegato solo con precetti e divieti, ma che ha raccontato attraverso il Figlio. Gesù stesso nei Vangeli dice di essere la vita (cfr. Gv 14,6).

Aprendo il Salterio, nel salmo 72 si parla della gloria del Re Messia e si legge chiaramente: “Da prima del sole Germoglio è il suo Nome”. Di fronte a questa potenza “primaverile” di vita e a questa forza sempre viva, ogni cristiano però non dimentica la croce. Questa sembrerebbe il simbolo di una sconfitta, di una vita distrutta. Ma la fede cristiana vede proprio nel sommo sacrificio di Cristo la via per una piena salvezza. Una vita che dura e fiorisce nonostante la morte. Infatti nella Rivelazione cristiana si dice che l’Amore si dona interamente, ma trionfa solo se nel processo ex Deo, ad Deum viene sconfitta per sempre la Morte.

La buona novella tiene insieme la vita e la morte, e per testimoniare che la vita è più forte della morte ci dice: “Se qualcuno vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà (Mt 16, 24-25).

Ma non basta. Il lieto annuncio diventa ancora più paradossale in questa frase di Gesù: “Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna” (Gv 12, 24-25). Questa è la grande sfida che ogni vero cristiano dovrebbe testimoniare con la propria esistenza! Saremo capaci di mostrare tale coraggio?

Luca Farruggio

 

 

Tags: , , , , , ,


Autore

Luca Farruggio

Luca Farruggio (Catania 1984). Dopo aver conseguito la maturità classica nel 2003 a Ragusa e aver vinto il primo Premio Nicholas Green nella stessa provincia, si è laureato in Filosofia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano nel 2007, con una tesi sull’utopia scientifica. Qui ha seguito con interesse i corsi di Massimo Cacciari, Emanuele Severino, Giovanni Reale ed Enzo Bianchi. Nel 2006 ha esordito nel mondo della poesia con BUGIE ESTATICHE (prefazione di Manlio Sgalambro e postfazione di Enzo Bianchi) e nel mondo della narrativa con LA SCOMPARSA DI COLMAPOTRA. Nel 2010 ha pubblicato una raccolta di poesie, GESU’ AL BAR, vincendo la Targa Antonio Corsaro del Premio Natale Città di Tremestieri Etneo. Nel 2011 è uscita la raccolta A CUORE PURO, in cui l’autore mostra la sua vicinanza al monachesimo di Bose. Sempre nel 2011 consegue la laurea specialistica in Filosofia della Storia al San Raffaele di Milano con una tesi sulla teologia bizantina. Nel 2013 ha pubblicato il suo primo saggio: L'ESICASMO E LA DIFESA DI GREGORIO PALAMAS. Nel 2016 è uscita la sua quarta silloge poetica: DELLA LUCE NON CONOSCO IL MISTERO-LA VITA DEL POETA. Dal 2015, come pubblicista, collabora con il giornale INSIEME-RAGUSA e dal 2018 con Operaincerta e diversi blog. Nel 2016 ha conseguito il Master di II livello in Didattica della Lingua Italiana presso l'Università Tor Vergata Roma. Nel 2017 è uscito DEL PESSIMISMO TEOLOGICO, un dialogo tra un teologo, un filosofo e un poeta, e nel 2018 ha pubblicato L'ULTIMA PAROLA (prefazione di Domenico Ciardi), la sua quinta raccolta di poesie.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑