Vita Cristiana

Pubblicato il 24 Febbraio 2020 | di Redazione

Il vescovo incontra i fidanzati della diocesi

Domenica 16 febbraio il Vescovo Cuttitta ha incontrato le coppie degli itinerari di preparazione al matrimonio provenienti da tutte le zone pastorali della diocesi. Quasi duecento coppie di nubendi, accompagnate dalle loro coppie animatrici e numerosi parroci, hanno gremito la Cattedrale di Ragusa. L’incontro è diventato negli ultimi anni un appuntamento importante, atteso e gradito che costituisce una tappa nel percorso di preparazione alle nozze

Il Vescovo ha accolto le coppie in modo simpatico e affettuoso. All’ascolto della Parola e di due brani di Papa Francesco è seguita la sua riflessione in cui, commentando il vangelo delle nozze di Cana di Giovanni  ha sottolineato che non possono esserci nozze senza la gioia. Maria intercede con Gesù perché se nella festa di nozze finisce il vino finisce anche la gioia.

La gioia, l’intesa, l’amore reciproco costituiscono il senso di chi si mette in gioco per vivere l’avventura dell’amore e donare vita, essere fecondi.

Nel sacramento un uomo e una donna vivono un’avventura non solo umana ma anche della fede. Così tutto diventa gioia, bellezza, dono.
Di Dio Innanzitutto. Dio illumina la nostra vita con il suo amore.

Dopo la riflessione del Vescovo una giovane coppia ha condiviso la propria esperienza di come gli sposi non possono promettersi  fedeltà e amore se non si basano sul terreno solido dell’Amore fedele di Dio.

Subito dopo le giovani coppie hanno ricevuto con gioia ed emozione dal Vescovo, una ad una, parole affettuose e la sua benedizione.

Tags: , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Amici

  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR