Società

Pubblicato il 13 Maggio 2020 | di Silvio Biazzo

Infermieri Santi della porta accanto

Oramai da mesi sono in trincea senza orari, a volte in condizioni ambientali non certamente ottimali, ma non si sono mai tirati indietro unitamente ai medici , ai volontari ed a tutto il personale sanitario dei nosocomi, la loro vicinanza accanto agli ammalati colpiti dal male del secolo è stata ed è vitale : combattenti indomiti contro un male oscuro ed invisibile che ha travolto il mondo odierno in modo terrificante. Ma loro ci sono stati e ci saranno ancora. E per esaltare il loro immane lavoro il 2020 è stato definito l’anno mondiale dell’infermiere. Ed il 12 maggio è stata la giornata internazionale dell’infermiere, data a cui si aggiunge un’altra ricorrenza, quella del bicentenario della nascita di Florence Nightingale, madre dell’infermieristica moderna. Oggi più che mai gli infermieri assicurano cure professionali a tutti in ogni settore d’impiego. Lo sanno i cittadini, che li riconoscono in questo periodo come i primi compagni nei loro momenti di bisogno, sia dal punto di vista clinico che umano, perché per gli infermieri, come recita il codice deontologico, “il tempo di relazione è tempo di cura”. Lo sanno le istituzioni, che ne chiedono l’intervento nelle situazioni più gravi, rendendosi finalmente conto della loro importanza e contemporaneamente della loro cronica carenza. Ed anche nella pandemia lo stanno dimostrando: tra gli infermieri c’è il maggior numero di operatori sanitari positivi a Covid-19 (circa il 52%). Tra gli infermieri c’è chi muore di Covid-19 per assistere ed essere vicino ai pazienti, ma lo fa comunque senza il minimo tentennamento. Per gli infermieri il principio è uno solo: prendersi cura, perché il loro obiettivo assoluto è la salute di tutti. E la Pastorale della salute della Diocesi di Ragusa, in occasione della Giornata Internazionale dell’infermiere, ha voluto ringraziare gli infermieri per tutto quello che fino ad oggi hanno fatto e per quello che in futuro faranno.

Tags: , , ,


Autore

Silvio Biazzo

Giornalista Pubblicista dal 1980 , ha collaborato con Radio Insieme, Avvenire, Giornale di Sicilia e Gazzetta del Sud e tv locali, diploma di Maturità Classica, studi universitari in Giurisprudenza , dal 1993 insignito della Onorificenza di Cavaliere dell’ O.M.R.I.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Amici

  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR