Attualità

Pubblicato il 13 Giugno 2020 | di Redazione

Riprendono le attività pastorali e formative con un occhio di riguardo ai più piccoli

Tre mesi dopo lo stop, il vescovo di Ragusa, monsignor Carmelo Cuttitta, con un decreto che entrerà in vigore lunedì 15 giugno, consente la ripresa delle attività pastorali (catechesi parrocchiali e iniziative di gruppi, associazioni, movimenti e oratori), nonché le attività e gli incontri formativi diocesani e vicariali. Occorrerà, naturalmente, continuare a garantire il rispetto della distanza di sicurezza e le altre misure igieniche e di contenimento. A rimanere vietate restano le processioni, per le quali è di fatto impossibile garantire il divieto di assembramento, mentre le celebrazioni della Confermazione sono rinviate. Prime confessioni e Prime Comunioni potranno, invece, essere programmate a partire dal 15 settembre. Oltre alle processioni, è vietato ogni forma di corteo o assembramento, come ogni forma di espressione devozione che preveda l’uscita del simulacro dalla chiesa per essere esposta alla venerazione dei fedeli. Lo spostamento e il trasporto interno alla chiesa dei simulacri deve avvenire in modo riservato e a porte chiuse.
«La graduale ripresa delle attività pastorali – dichiara monsignor Cuttitta – consente alla comunità cristiana di rimettersi in movimento. Da un lato, infatti, è importante raccogliere la sfida – anche creativa – di sfruttare al massimo le opportunità consentite dalle attività adesso possibili, con un occhio di particolare riguardo verso i bambini e gli adolescenti. Dall’altro, l’attuale e protratta impossibilità di svolgere attività e iniziative, molto care alla religiosità del popolo cristiano, alimenterà il desiderio di tornare al più presto a viverle con devozione rinnovata e rafforzata. L’intercessione della Madre celeste e dei nostri Santi patroni, unita al docile senso di responsabilità che questa fase così delicata richiede da parte di ciascuno, rendano ancora più sollecito il comune cammino verso la tanto agognata normalità».

Nel dettaglio, da lunedì 15 giugno sarà possibile la realizzazione dei Grest, Centri estivi e Campi estivi per minori da parte di parrocchie, associazioni e movimenti; di ritiri, incontri residenziali e campi di più giorni per gli adulti; incontri pubblici, convegni e raduni. Per tutte queste iniziative sarà necessario rispettare le norme previste dalle normative nazionali, regionali e locali e dalle autorità di pubblica sicurezza. Sarà inoltre possibile riprendere le visite ai malati da parte dei ministri straordinari della comunione eucaristica. I ministri, ponendo la massima cura nell’osservanza del distanziamento e nell’obbligo di indossare la mascherina, dovranno attenersi alle stesse norme previste per la distribuzione dell’Eucaristia durante le celebrazioni in chiesa. Consentita anche la riapertura delle cappelle dell’Adorazione perpetua.

Scarica il testo del Decreto

Tags: , , , , , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑