Società

Pubblicato il 25 Febbraio 2021 | di Agenzia Sir

Educare gli adolescenti di oggi a scoprire il senso di responsabilità

Come si può insegnare ai giovani il senso di responsabilità? E, soprattutto, come mai oggi i nostri ragazzi appaiono così fragili e impreparati nel prendersi carico dei compiti a lungo termine? Si tratta di un passaggio importante in termini educativi, un insegnamento indispensabile alla buona riuscita del percorso scolastico, ma soprattutto di quello esistenziale.

Sul senso di responsabilità, però, dovremmo interrogarci in maniera ampia. Il fatto che non si riesca a trasmetterlo correttamente e in maniera efficace alle giovani generazioni evidenzia un vulnus che riguarda l’intera comunità educante.

Nell’epoca a noi contemporanea il rapido sviluppo tecnologico, insieme all’ampliamento del raggio d’azione dell’agire umano e alla crescente difficoltà di prevedere con precisione le conseguenze delle azioni collettive, hanno imposto una complessiva e profonda revisione dell’etica tradizionale. Negli ultimi anni è stato introdotto nel nostro lessico comune anche il termine “corresponsabilità”, proprio per indicare l’azione sinergica che spesso occorre per rispondere correttamente e prendersi cura di un bisogno comune.

La nozione di responsabilità, quindi, ha subito un forte processo critico e spesso ne è uscita indebolita, o non completamente chiarificata.

Ciò che oggi rende incerta “la consegna” generazionale di questa capacità fondante è da individuare soprattutto nella frammentazione che subisce la progettazione educativa stessa, sia all’interno delle famiglie che nella scuola.

Parliamo di responsabilità in maniera continua, ma episodicamente, senza realmente fornire ai nostri figli gli strumenti per maturarla. La responsabilità è in un certo senso identificabile con la lungimiranza che dovremmo avere nel valutare le nostre azioni nel passato, nel presente e nel futuro. Per acquisire lungimiranza, occorre parlare facendo riferimento a un orizzonte temporale che oggi si parcellizza continuamente: le nostre giornate sono fatte di attimi, che non sempre costruiscono una unitarietà. Gli attimi sono caotici e si portano dentro molteplici azioni, spesso anche in contraddizione le une con le altre. È il multitasking del vivere che disorienta i nostri ragazzi. Il senso di responsabilità, in questo modo, va a sconfinare sempre di più nel terreno dell’astrattismo. Ci si dimentica di andare a verificare in maniera “scientifica” le conseguenze delle nostre azioni, quanto meno non ci si riflette adeguatamente.

Anche noi educatori, spesso, gettiamo quantità innumerevoli di semini che poi dimentichiamo di annaffiare.

Un altro aspetto da non sottovalutare nel processo di “ri-fondazione” dell’etica della responsabilità, dovrebbe essere la capacità di “prendersi cura” di noi stessi e del nostro progetto di vita. Il take care che proponeva don Lorenzo Milani. Per essere responsabili di qualcosa, occorre amare quello che si fa, sentirlo proprio, soprattutto comprenderne il senso.

Silvia Rossetti

Tags: , ,


Autore

Agenzia Sir



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑