Società

Pubblicato il 14 Maggio 2021 | di Agenzia Sir

Costruire con i giovani il bene comune investire di più nel Servizio civile

Il servizio civile è un’esperienza importante per le giovani e i giovani che scelgono di svolgerlo, ed è un investimento di prospettiva per un Paese che decide di promuoverlo. Eppure, i dati ci indicano una continua incapacità dell’Italia a rispondere alle domande che ogni anno vengono inoltrate dagli aspiranti volontari. Coinvolgere le nuove generazioni in attività per il bene comune è una politica attiva che risveglia risorse e diffonde un senso di condivisione della responsabilità. Andare verso una sua maggiore diffusione arricchirebbe il panorama delle politiche giovanili e aiuterebbe a ridurre la sensazione di marginalità nella quale sembrano relegati i giovani in Italia.

+ Il servizio civile nella nostra Diocesi
La Diocesi di Ragusa, tramite la fondazione San Giovanni Battista e la Caritas, darà anche quest’anno l’opportunità del servizio civile a 152 giovani. Il via alla nuova avventura scatterà il 25 maggio. Nel dettaglio, 101 giovani saranno impiegati nei sette progetti messi in campo dalla fondazione San Giovanni Battista; 51 giovani nei quattro progetti della Caritas diocesana. Buon anno di servizio civile a tutte e a tutti!

Anche quest’anno, sebbene sia stato incrementato il budget per finanziare le attività, non sarà possibile soddisfare tutti gli aspiranti: sono arrivate 125mila domande a fronte di soli 55mila posti finanziati dal bando. Gli stessi enti riconosciuti che gestiscono e coordinano i volontari sul territorio, nelle varie regioni, avrebbero richieste superiori e potrebbero accogliere almeno altri 10mila volontari. Servirebbe dunque un’ulteriore riforma per riorganizzare il “Servizio civile universale” In modo da poter incrementare il numero dei posti, e per qualificare e orientare sempre meglio i progetti che possono essere realizzati per i più fragili, per la comunità, per il territorio, per la cultura e per l’ambiente. Inoltre, estendere la platea dei volontari significa riuscire a coinvolgere anche i meno qualificati, perché al momento la selezione favorirà quanti hanno raggiunto un titolo di studio superiore. Una ricerca evidenzia che il 20% è laureato e che circa un altro 65% ha conseguito un diploma superiore (e magari sta frequentando l’Università).

Queste esperienze sono occasioni – se vissute nel modo corretto – per spronare i giovani a essere protagonisti della loro città, inoltre sono episodi che possono qualificare la biografia di una persona per renderla più matura e consapevole. Una proposta del sociologo Maurizio Ambrosini suggerisce l’idea di un “piano straordinario” da destinare a progetti sulle periferie per rinnovarle e valorizzare. In questo modo si potrebbero da un lato coinvolgere i giovani più istruiti, dall’altro recuperare quanti non riescono a trovare un orientamento e finiscono per abbandonarsi all’inerzia, come quelli che non studiano e non lavorano, oppure quanti hanno imboccato strade sbagliate e sono stati colpiti da provvedimenti penali.

Così permettere che il Servizio civile diventi davvero universale aiuterebbe anche a creare connessioni e cooperazione tra persone di origine diversa, l’elaborazione di progetti complessi potrebbe favorire nuovi incontri arricchenti.

Andrea Casavecchia

 


Autore

Agenzia Sir



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR