Società

Pubblicato il 7 Luglio 2021 | di Redazione

Laboratorio di Studio in Pastorale Familiare e Ricerca di Pratiche Virtuose

Un gruppo nutrito della nostra Diocesi (con persone di Ragusa, Vittoria, Comiso, Pedalino, Scoglitti, Giarratana) insieme a quelli delle altre diocesi siciliane, sta partecipando al “Laboratorio di Studio in Pastorale Familiare e Ricerca di Pratiche Virtuose”, percorso di due anni promosso dalla Conferenza Episcopale Siciliana come esperienza laboratoriale di formazione rivolta a chi opera con le famiglie, anche per l’individuazione di percorsi attuabili nelle realtà ecclesiali del territorio regionale. Un cammino che prevede l’utilizzo di una piattaforma web che ha consentito l’avvio durante i mesi della pandemia, il superamento dei confini fisici della distanza, la creazione di una vera e propria rete di conoscenze e l’opportunità di attingere a materiale di formazione preziosissimo su ogni aspetto della pastorale familiare.

Testimonianza comune è proprio l’entusiasmo di poter scambiare tanta ricchezza: in questi mesi tanti tutors hanno infatti proposto online percorsi di crescita molto arricchenti, con il metodo della flipped classroom, e nel mese di giugno si è potuto partecipare ai weekend formativi previsti in presenza nel percorso. Divisi per aree tematiche, ci si è conosciuti e si è cresciuti insieme. Affermazione di tutti è aver vissuto questi incontri come un dono, un’esperienza unica di formazione, di scambio e relazione umana. In ognuno dei quattro fine settimana previsti per i vari moduli, ogni partecipante ha detto il proprio “Eccomi” alla presenza di uno dei Vescovi di Sicilia e si è vissuto il passaggio dai moduli base e trasversale di ogni area ai moduli specifici.

È stato entusiasmante incontrarsi, ascoltare tante persone che credono nella Famiglia e che si stanno impegnando per crescere; molte già impegnate in ambito locale e con tante proposte innovative già operanti in varie realtà e presenti lì proprio per migliorarsi e per dare una mano. Un laboratorio di idee e novità a tutti gli effetti che abbraccia ogni fase di vita della Famiglia, facendo riferimento ad Amoris Laetitia che il Papa quest’anno ci invita ad approfondire. Grande presenza di Ragusa ad esempio nell’area 3, area che si occupa delle famiglie fragili. Leggiamo al capitolo 8 di A.L. i richiami del Papa: “Accompagnare, discernere ed integrare la fragilità”, ed anche “Oggi, più importante di una pastorale dei fallimenti è lo sforzo pastorale per consolidare i matrimoni e così prevenire le rotture”. Questi sono gli intenti a cui si sta volgendo la partecipazione di tutti i rappresentanti della nostra diocesi. Un percorso innovativo per tutti gli operatori in ambito di pastorale familiare, sacerdoti e laici che insieme stanno crescendo per donare poi alla realtà locale una visione aggiornata e profetica, come tanti hanno detto, dell’approccio alla Famiglia.

Dopo il weekend ci si è subito messi al lavoro come gruppi locali che si stanno confrontando, anche settimanalmente, nella formazione proposta. Tante le aspettative ancora per ciò che si potrà vivere nei mesi a seguire.

Fiorenza Di Martino

Nella foto i partecipanti al week end del 12-13 giugno


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna Su ↑
  • Follow by Email
    Facebook
    YouTube
    Instagram
  • Sostenitori

  • RSS Ultime dal SIR