Attualità scuola presente

Pubblicato il 1 Ottobre 2022 | di Redazione

“Presente!” Non vedo l’ora di scrivere nuove pagine insieme

Nelle settimane precedenti l’inizio del mio quinto anno di liceo classico giornalmente mi sono sentita dire: “Sei pronta a riiniziare?”, “Ma quindi quest’anno hai l’esame?”, “Alla seconda prova greco o latino?”, “Hai già scelto quale facoltà fare?”.

Mentre la gente instancabile continua a ripetere queste domande io ho deciso di vivere l’attesa del nuovo anno scolastico tornando per la prima settimana di settembre nel luogo che per nove mesi mi ha custodita come fosse un grembo materno. Questo posto è Rondine Cittadella della Pace.

Rondine è un piccolo borgo in Toscana che ospita da circa 25 anni giovani provenienti da paesi in conflitto o post conflitto e che dal 2015 porta avanti il progetto del Quarto Anno liceale che ho frequentato nell’anno scolastico 2021/2022.

Questo luogo mi ha nutrita di passione, curiosità, cura, attenzione. Mi ha rimessa al mondo, mi ha fatto vedere il mondo con occhi diversi, nuovi. Guardando l’Arno ho reimparato a respirare, a scoprire le mie mani pronte a fare attività e gesti nuovi e la mia mente in grado di accogliere pensieri e riflessioni che non l’avevano mai abitata.

In questi giorni taglio definitivamente il cordone ombelicale con questo luogo: lascio il testimone alla nuova generazione che tra gioia, energia e perplessità sta già iniziando a dare vita nuova al borgo. Io torno a vivere a Vittoria, realtà alla quale ho sempre molto pensato durante la mia permanenza qui.

Sono sempre rimasta in contatto con il MSAC (Movimento Studenti di Azione Cattolica) di Ragusa.  Con questo continuo a crescere e con tante nuove persone intorno stiamo battendo sentieri nuovi per trasformare in concreto tanti grandi sogni.

Ho pensato ad un progetto di ricaduta sociale per portare un po’ del terreno fertile che ho acquisito a Rondine, la mia passione per la musica, la mia energia a far germogliare un albero nuovo che con il sole non bruci, ma possa compiere la sua fotosintesi e avere radici sempre più profonde.

Ho cercato di tenere sempre un contatto con la mia scuola, la mia classe e i miei professori che mi hanno sempre sostenuta e che sento ora pronti a riaccogliermi. Spero di portarli con me a dare un po’ d’acqua al mio progetto e a porre qualche tassello insieme.

Non vedo l’ora di essere curiosa con loro, di vivere appassionata i nostri nuovi giorni di scuola, di leggere e scrivere nuove pagine insieme.

Qui a Rondine il 5 settembre si è restituito dopo 83 anni un banco a 8 sopravvissuti della Shoah che commossi hanno fatto sentire la loro presenza in aula. I loro occhi lucidi, le loro voci spezzate, i loro racconti dell’espulsione dalla scuola con le leggi razziali del 38, mi hanno resa ancora più impaziente di pronunciare il mio “Presente” il 15 settembre.

Sofia Gentile

Tags: , ,


Autore

Redazione

"Insieme" esce col n° 0 l'8 dicembre del 1984. Da allora la redazione è stata la "casa di formazione" per tanti giovani che hanno collaborato con passione ed impegno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna Su ↑